Skip to main content

Tecnica di scarico

Tutto quello che devono sapere gli specialisti

1. In breve: tipi di scarico

Aree d’impiego di scarichi e canalette

Con il termine “tecnica di scarico” si intendono diversi tipi di scarichi, ognuno dei quali è specializzato per particolari condizioni nel proprio campo d’impiego. Qui trovate una rapida panoramica delle quattro categorie di prodotti base.

2. Scelta del materiale degli scarichi

Criteri di scelta per gli scarichi in materiale plastico e metallo

Nella pianificazione della tecnica di scarico è importante verificare quale materiale è più adatto al tipo di acque di scarico e alle condizioni specifiche del progetto nel luogo di installazione. In questo contesto è necessario considerare le sostanze contenute nelle acque di scarico e la relativa concentrazione, lo spazio a disposizione, la struttura dei pavimenti e il relativo tipo di guarnizione termosaldata.

Selezione del materiale con la lista di resistenza KESSEL

Con l’aiuto della nostra lista di resistenza potete verificare quale materiale è in grado di resistere meglio alle acque di scarico prodotte nella vostra applicazione. Nella lista troverete un elenco dei più comuni tipi di acque di scarico, con valutazioni dei diversi materiali in termini di resistenza.

Vai alla lista di resistenza

Caratteristiche dei materiali più comuni

La tecnica di scarico viene di norma realizzata con materiali plastici o con metalli come l’acciaio inox o la ghisa grigia. Con le loro prioprietà, i materiali sono adatti a diverse applicazioni:

Ghisa grigia

Grazie alla sua resistenza al calore e al fuoco è adatta agli ambienti estremi, come i tetti rivestiti di bitume. Necessita di protezione anti-corrosione e messa a terra, igiene limitata.

3. Protezione antincendio per la tecnica di scarico

Protezione conforme alle disposizioni degli scarichi a pavimento

In presenza di incendi negli edifici, gli scarichi a pavimento sono potenziali punti deboli, attraverso i quali il fuoco, il fumo e i gas tossici possono propagarsi da un locale all’ altro. Per questo motivo, i regolamenti edilizi dei vari Paesi prevedono adeguate misure preventive antincendio nel settore della tecnica di scarico. 

Gli scarichi a pavimento come fattore di rischio in caso di incendio

La velocità con la quale un incendio si propaga in un edificio dipende da quanto a lungo una stanza è in grado di resistere alle fiamme e alle particelle di fumo e gas che queste sprigionano. Gli scarichi a pavimento non adeguatamente protetti comportano diversi rischi:

In presenza di scarichi non protetti è possibile la fuoriuscita di gas e fumo

Uscita di fumo/gas

attraverso i punti permeabili e attorno allo scarico a pavimento.

In presenza di scarichi non protetti è possibile la propagazione di incendi

Propagazione di incendi

in altre stanze attraverso la combustione dell’impianto di drenaggio.

In presenza di scarichi non protetti è possibile la trasmissione del calore

Trasmissione del calore

e innesco di materiali combustibili attraverso gli oggetti di drenaggio non combustibili.

Classi di resistenza al fuoco degli scarichi a pavimento

A seconda del Paese, della regione, del tipo di edificio e del luogo di installazione, per gli scarichi a pavimento sono previste diverse classi di resistenza al fuoco. Attraverso il valore numerico della classe di resistenza al fuoco viene indicato per quale tempo minimo, espresso in minuti, un componente testato è in grado di resistere a un incendio. Le classi di resistenza al fuoco rilevanti per gli scarichi a pavimento sono:

  • F30 (“ignifugo”) 

  • F60 (“altamente ignifugo”) 

  • F90 (“incombustibile”) 

  • F120 (“altamente incombustibile”) 

Vi preghiamo di tenere conto delle specifiche, nel concetto di protezione antincendio del vostro progetto. 

 

Come funziona un inserto di protezione antincendio?

Un inserto di protezione antincendio viene inserito nel raccordo per tubi sul lato inferiore di uno scarico a pavimento. È composto da un materiale sensibile al calore, che al primo contatto con il fuoco si dilata e chiude così lo scarico. 

Inserto di protezione antincendio in assenza di incendio

Il tubo si scioglie

a causa dell’effetto estremo del calore.

L’inserto di protezione antincendio si dilata non appena viene a contatto con il fuoco.

L’inserto di protezione antincendio si dilata

non appena viene a contatto con il fuoco.

Lo scarico è chiuso e impedisce ulteriori danni da incendio.

Lo scarico è chiuso

e impedisce così altri danni da incendio.

Fire-Kit & Quick-Fit:

protezione antincendio per gli scarichi KESSEL

Con l’inserto antincendio e antifumo Fire-Kit e con la guarnizione passante Quick-Fit, il nostro assortimento comprende dei componenti accessori adeguati per la protezione antincendio conforme alle norme degli scarichi KESSEL. Il Fire-Kit garantisce la chiusura a prova di fuoco dello scarico in caso d’incendio, mentre la guarnizione passante Quick-Fit rappresenta un’alternativa da montare ai convenzionali materiali di riempimento per la guarnizione termosaldata dei carotaggi. La massa di protezione antincendio in essa integrata sigilla qualsiasi permeabilità tra il corpo dello scarico e il carotaggio in caso d’incendio. Tanto Fire-Kit quanto Quick-Fit soddisfano la classe di resistenza al fuoco R120 per i condotti del tubo.

4. Sistemi modulari per gli scarichi

Progettazione flessibile con una tecnica di scarico modulare e ampliabile

Combinazioni individuali degli scarichi nel sistema modulare

Per i sistemi di drenaggio con requisiti speciali, non sempre sono disponibili gli scarichi giusti come prodotto finito. In alcuni casi, le soluzioni modulari forniscono un aiuto prezioso: in questo modo potete comporre gli scarichi adatti per la vostra situazione di drenaggio, scegliendo tra un gran numero di componenti compatibili tra loro e adeguandoli successivamente senza problemi in caso di eventuali cambi di condizioni. 

Sistemi modulari: indipendentemente dalla larghezza nominale!

I sistemi modulari sono disponibili per gli scarichi con diversi diametri. Il diametro (raccordo a innesto tra rialzo e corpo base) è indipendente dal diametro del condotto delle acque di scarico collegato – uno scarico con un determinato diametro può quindi essere fondamentalmente collegato ai condotti di tutte le larghezze nominali, a patto che il bocchettone di uscita sia delle dimensioni giuste. 

I sistemi modulari KESSEL

KESSEL offre scarichi modulari con diametri da 100 a 400 mm per il drenaggio di bagni, cantine ed edifici, oltre che per l’esterno. All’interno del rispettivo sistema modulare potete trovare numerosi corpi base e materiali, perfettamente adeguati alle condizioni di impiego e ambientali nel luogo di installazione.